HO CHIUSO GLI OCCHI

Ho chiuso gli occhi
ed ho visto il tuo volto
inondato dal sole di un sorriso

ho chiuso gli occhi
ed ho visto la lava incandescente
del tuo amore

ho chiuso gli occhi
ed ho visto il mio cuore
...nel tuo




HO VOGLIA

ho voglia di sparire per un pò...
di tagliare i ponti dietro di me
per eliminare la folla e la follia

ho voglia di poca compagnia
niente obblighi e doveri
di vivere alla giornata

ho voglia di ...non so
di mettermi ali possenti
e cercare un'isola...
ho voglia di quell'isola...
di quella che non c'è
e farne mia dimora...

ho voglia, ma non c'è
voglio la bacchetta del mago
l'intruglio di una strega

le stelle di una fata
la fantasia dei sogni
per vivere la vita
e vorrei che fosse mia...
...finalmente!



HO SOGNATO IL PARADISO

Voliamo
...ecco vedi?
sotto di noi il mare
i delfini che giocano con l'onde
a gara per rincorrerci....

Vieni..
tuffiamoci in questa nuvoletta
sa di fiori lontani
profumi portati dal vento
sa di sole e di mare
sa di terre lontane...
Eccola laggiù
la nostra isoletta
quella goccia di paradiso
stringimi la mano...
atterriamo

Ti parlerò di conchiglie
che vorrò donarti
per fartene monili
Ti parlerò di stelle
dal mar raccolte
per i tuoi capelli
il sole vorrò vedere
brillar nei tuoi sorrisi
il cielo coglierò luminoso
negli occhi tuoi...
abiteremo il paradiso
Uccelli variopinti
il nostro sonno veglieranno

Un cielo cobalto il nostro tetto
bianca sabbia la nostra stuoia
il petto mio il tuo cuscino
il tuo braccio mi cinge il fianco
donandomi l'amore...

Le tue chiome vedrò
gareggiare coi raggi della luna
sulla tua fronte un ricciolo ribelle
indica la strada a ricordi antichi
"Usite uscite, andate via...
più spazio qui non v'è per voi...
Addio..... addio.....addio....."

E sognerò il sole il mare il cielo
e a loro griderò felice
la mia serenità trovata...


I VERSI MIEI

i versi miei son
ritmi di vita scanditi
....vissuti
sono emozioni
esposte al mondo
per non soffocar
sono ancore
calate nell'onde
spumeggianti
i versi sono io
è la mia indole
che si ribella
o plaude
oppur si piange
sono lapilli
di un vulcano
scagliati al cielo
i versi...
ma poi son versi?
sono solo parole nate
non so da dove
che non so trattenere
scomposte
nella loro danza
senza metrica
ma con tanto cuore


>


CHI SONO

Chi sono?
E chi può dirlo?
Io non so chiarir
il gene di mia vita,
io non so raccontare
il fine ed il mezzo,
mi son tutt'ora ignoti!
Se rifletto me stesso
entro uno specchio...
mi risponde il nulla
chè il dolore
non ha volto e nome!