Perugino


(CittÓ della Pieve, Perugia 1445 ca. - Pontignano, Perugia 1523). al secolo Pietro di Cristoforo Vannucci, detto il Perugino. Il suo stile Ŕ caratterizzato da purezza, semplicitÓ ed eccezionale simmetria della composizione. Fu maestro di Raffaello, il massimo pittore della scuola umbra.
Studi˛ nella bottega del pittore e scultore fiorentino Andrea del Verrocchio, dal quale apprese il disegno a linee nitide e l'uso del chiaroscuro; conobbe anche l'opera del pittore Piero della Francesca.
Dal 1478 al 1481 lavor˛ a Roma, dove affresc˛ la parete dell'altare e tre scene laterali nella Cappella Sistina con le Storie di MosŔ e le Storie di Cristo, tra cui la famosa Consegna delle chiavi a san Pietro (1481-82).
Dal 1486 al 1499 visse a Firenze: in questo periodo dipinse la Madonna con angeli e santi (1493, Louvre, Parigi) e il famoso Compianto sul Cristo morto (1495, Palazzo Pitti, Firenze). Tra il 1498 e il 1500 decor˛ con affreschi di scene religiose e mitologiche la Sala del Collegio del Cambio a Perugia. Altre sue opere importanti sono Lo sposalizio della Vergine (1503-1504 ca., Museo delle Belle Arti, Caen), che Raffaello us˛ come modello per il suo quadro omonimo, la Lotta fra Amore e CastitÓ (1505, Louvre), commissionata da Isabella Gonzaga per il suo studio di Mantova, e la volta della Stanza dell'Incendio di Borgo in Vaticano (1508).


Adorazione del Magi
Apollo e Dafni
Assunzione della Vergine

Autoritratto
Battesimo di Cristo

Compianto su Cristo morto
Consegna delle chiavi a S. Pietro

Crocifissione con Santi
Fortezza e Temperanza
MosŔ - Viaggio in Egitto
Lotta fra Amore e CastitÓ
Madonna in trono e S. Giovanni Battista
PietÓ con Santi
Sposalizio della VErgine
San Sebastiano
Trasfigurazione
Trittico - la crocifissione
Visitazione a San Bernardo







indietro HOME avanti