KissDesign Websets - Ensembles et kits graphiques


Francisco Goya


Francisco José De Goya y Lucientes ( Fuendetodos - Saragozza 30 marzo 1746 - Bordeaux 16 aprile 1828)

La sua opera, in quanto a sintesi e superamento degli esiti estremi dell'arte barocca e di quella neoclassica, assume un significato essenziale di anticipazione, nell'ambito della coeva cultura europea aprendo la via alle esperienze dell'impressionismo, del surrealismo e dell'espressionismo.
Allievo a Saragozza di Luzàn y Martinez, si trasferì a Madrid nel 1763. In quanto a sintesi e superamento degli esiti estremi dell'arte barocca e di quella neoclassica, l'opera di Goya assume un significato essenziale di anticipazione, nell'ambito della coeva cultura europea aprendo la via alle esperienze dell'impressionismo, del surrealismo e dell'espressionismo. Nel 1770 Goya si recò in Italia e di ritorno al paese natale nell'anno successivo gli venne affidata la decorazione a fresco del coretto di Nostra Signora del Pilar e della certosa Aula Dei del 1772-73. Tornato a Madrid nel 1176 gli fu commessa una serie di 43 cartoni per la manifattura di arazzi di S. Barbara oggi al Prado, eseguiti tra il 1776 e il 1791.
Nominato accademico di S. Fernando nel 1780, nel 1781 gli fu affidata l'esecuzione di una pala per S. Francisco el Grande "Predica di San Bernardino" del 1781-84. Il crescente successo negli ambienti aristocratici è testimoniato da una serie di bellissimi ritratti da quelli di classica eleganza "Conte di Miranda" del 1774 appartenente alla collezione Lazara a Madrid, a quelli ispirati alla scuola inglese di Gainsborough e Reynolds "La duchessa d'Alba" del 1795, per approdare al ritratto psicologico e naturalistico "Le due Majas" del 1804; del 1799 anno in cui Goya venne nominato primo pittore del re, sono i ritratti di "Carlo IV a cavallo" e "Maria Luisa a cavallo" dell'anno successivo "La famiglia di Carlo IV" ora tutti esposti al Prado.
Segnano altrettanti momenti nell'approfondimento di nuove tematiche le "Divulgazioni popolari" del 1793 dove il soggetto popolaresco assume un significato che va ben oltre la pittura del genere; gli appunti dei taccuini di Madrid e Sanlùcar del 1794-95, immenso materiale di pensieri per le 84 incisioni dei "Capricci" edite nel 1799; gli affreschi di "San Antonio de la Florida"; le incisioni dei "Disastri della guerra" del 1808-09; le incisioni dei cicli "Tauromarchia" del 1815-16, "Disparates" o "Proverbios" del 1813-15 e 1817-18.
Goya si aprì a un nuovo linguaggio figurativo che usa la deformazione espressionistica e una tecnica impressionistica che esaspera i contrasti: punto d'arrivo le allucinanti visioni dipinte sulle pareti della sua casa la Quinta del Sordo di "Crono divora i suoi figli", "Rissa a bastonate", "Le Parche", "Visione fantastica" ora al Prado di Madrid.
Dopo la restaurazione dell' assolutismo nel 1825 Goya lasciò Madrid per Bordeaux dove visse un estremo periodo di fervida attività, 5 litografie dei "Tori di Bordeaux" del 1825 e la "Lattaia di Bordeaux" nel 1827 ora nel Prado di Madrid.

Opere
(cliccare sul titolo)

Adorazione Autoritratto Cristo crocifisso
I duchi di Osugna e i loro figli Il 2 Maggio 1808 Il 3 Maggio 1808 - le fucilazioni
Il duca d'Alba Il fantoccio Il fuoco
Il mercante di stoviglie Il parasole Il sabba delle streghe
Il sacrificio a Pan Isabel de Porci La corrida
La famiglia dell'Infante don Luis La famiglia di Carlo IV La lampada del diavolo
La lattaia di Bordeaux La maja desnuda La maja vestida
La maja e gli uomini mascherati La nevicata La Sacra Famiglia
La sepoltura della sardina Leocadia Zarrilla Majas al balcone
Maria Teresa di Borbone Maria Tomasa Parafox Pedro Romero
Picnic S. Francesco Borgia e l'impenitente Saturno divora un figlio








indietro HOME avanti