Pinacoteca
I contemporanei



Davide Frisoni
Rimini 1965

Dopo essersi diplomato al Liceo Artistico di Rimini e all'Accademia di Belle Arti di Bologna inizia una intensa attivita' di illustratore e scenografo e, dal 1996, di pittore.
Pittore della realtà, dei riflessi, della quotidianità, poeta dell'immagine, si inserisce a pieno titolo nel movimento giovanile che indaga sui luoghi meno appariscenti del vivere quotidiano. I paesaggi urbani colgono gente di passaggio e sono fissati in momenti coinvolgenti, con una distaccata professionalità da reportages fotografico, ma sempre con la passionalità e l'energia del gesto pittorico. Le strade bagnate, lo scorrere dell'esistenza non ha nulla di epico, ma qualcosa di domestico che scalda e conforta. Tutto gira attorno al quotidiano, in cui l'artista vive e vede. I luoghi comuni dell'artista sono questi, sono i sintomi di un vivere che è legato a relazioni forti. Nulla può allontanarsi dalla visione che l'artista ha del proprio mondo. Propone la novità dell'ovvio, attraverso la pittura per restituirlo straordinario e mai visto.
“Tutto quello che mi interessa dipingere - afferma in un’intervista - è ciò che incontro senza alcun pregiudizio o preconcetto. Insomma non mi faccio problemi se quello che incontro è bello o brutto, se è pittorico o se non lo è, a me interessa la realtà così come mi viene incontro”.


Alberato
110x180 olio a spatola su tela

asfalto2 100x130 olio su cartacotone
controluce al mattino 100x120 olio su tela

asfalto 80x100 olio su tela
asfalto giallo 30x35 olio su tela

corrida12 40x50 olio su tela
dinamica d'asfalto 180x150 olio su tela

il mare d'inverno 50x60 olio su tela
le vie del mare 8x100 olio su tela

rossi di sera 80x100 olio su tela
senza nome 180x150 olio su tela
crepuscolare 60x100 olio su tela